........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

Andamento patrimoniale e finanziario del Gruppo #adessonews

Dati in milioni di euro 31 marzo 2021 31 dicembre 2020 VARIAZIONI

CAPITALE IMMOBILIZZATO 4.795 4.735 +60 +1%

CAPITALE CIRCOLANTE NETTO 3.044 2.484 +560 +23%

CAPITALE INVESTITO LORDO 7.839 7.219 +620 +9%

FONDI DIVERSI E ALTRE ATTIVITÀ/PASSIVITÀ (2.701) (2.532) (169) -7%

CAPITALE INVESTITO NETTO 5.138 4.687 +451 +10%

PATRIMONIO NETTO 12.393 11.507 +886 +8%

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA (7.255) (6.820) (435) -6%

Posizione finanziaria netta della SBU Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione 2.088 1.874 214 +11%

Capitale Circolante

Netto Fondi diversi

e Imposte differite Capitale Investito Netto

4.795

12.393 7.255

5.138 (2.701)

3.044

Posizione Finanziaria

Netta Patrimonio Netto Capitale

Immobilizzato dati in milioni di euro

31 marzo 2021

dati in milioni di euro

Capitale Circolante

Netto Fondi diversi

e Imposte differite Capitale Investito Netto

4.735

11.507 6.820

4.687 (2.532)

2.484

Posizione Finanziaria

Netta Patrimonio Netto Capitale

Immobilizzato

31 dicembre 2020

Il Capitale immobilizzato del Gruppo Poste Italiane al 31 marzo 2021 si attesta a 4.795 milioni di euro, segnando un incremen-to di 60 milioni di euro rispetincremen-to alla fine dell’esercizio 2020. Alla formazione del Capitale immobilizzaincremen-to hanno concorso, oltre all’in-cremento di 13 milioni di euro derivante dal primo consolidamento del gruppo Nexive e alla rilevazione provvisoria dell’avviamento per le acquisizioni della stessa Nexive per 36 milioni di euro e di Sengi Express per 16 milioni di euro, investimenti per 116 milioni di euro e un incremento dei Diritti d’uso per stipula di nuovi contratti rientranti nel perimetro di applicazione dell’IFRS 16 pari a 67 milioni di euro. Tale variazione è stata parzialmente compensata da ammortamenti per 199 milioni di euro. Concorrono, inoltre, al saldo della voce, le partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto per complessivi 619 milioni di euro, pressoché interamente riferibili agli investimenti in Anima Holding S.p.A. e FSIA Investimenti S.r.l..

Gli investimenti del Gruppo nel primo trimestre 2021 ammontano a 116 milioni di euro ed evidenziano un incremento del 19%

rispetto al primo trimestre 2020 (+19 milioni di euro). Gli investimenti classificati come ESG, ovvero che rispettano i principi di riferimento degli 8 Pilastri di Sostenibilità del Gruppo, rappresentano oltre il 60% del valore complessivo. Si evidenziano nello specifico, tra i principali progetti, gli interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare, l’introduzione dei veicoli a tre ruote per le attività di recapito, il miglioramento della customer experience dei prodotti e servizi offerti ai clienti in un’ottica multicanale e digitale, l’adozione di sistemi di gestione, di attrezzature e infrastrutture in materia di salute e sicurezza.

In linea con quanto previsto nel programma di investimenti 2021-2024 a supporto degli obiettivi del nuovo Piano Strategico

“24SI”, circa l’80% degli Investimenti di Gruppo (93 milioni di euro) sono stati destinati all’automazione e modernizzazione della Strategic Business Unit dei Servizi di Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione. In particolare, prosegue il processo di miglioramento delle strutture immobiliari e il percorso di rinnovo della nuova flotta dedicata al recapito. Nei primi tre mesi del 2021 sono stati inseriti nella flotta circa 2.000 nuovi mezzi, di cui la maggior parte tricicli ed è entrato a regime il nuovo centro di smistamento di SDA nel Nord Italia a Landriano (provincia di Pavia), in aggiunta al nuovo centro di smistamento del Centro Italia a Passo Corese vicino Roma avviato alla fine del 2020.

Proseguono le attività per far fronte alle esigenze legate alla gestione ordinaria della sicurezza sui luoghi di lavoro e della sicurezza informatica tramite attività di prevenzione delle minacce e contrasto agli attacchi informatici. Nel corso del primo trimestre del 2021, sono stati ulteriormente estesi il servizio di videosorveglianza di Poste Italiane ai siti non ancora serviti e migliorati gli impianti già esi-stenti sostituendo progressivamente videoregistratori digitali (DVR) e Centrali antintrusione obsoleti. In particolare, sono state instal-late più di 170 nuove telecamere sostituendone oltre 260, nonché instalinstal-late 10 nuove Centrali Antintrusione sostituendone oltre 170.

116

(dati in milioni di euro)

1Q 2021

1Q20 1Q21

97 116

+19

13

Corrispondenza, 93

pacchi e distribuzione

Pagamenti e mobile

Servizi assicurativi Servizi

finanziari

4 6

Gli investimenti immobiliari hanno riguardato, principalmente, la riqualificazione degli Uffici Postali, la realizzazione di nuovi spazi destinati agli specialisti commerciali e ai consulenti mobili. In materia di contenimento degli impatti ambientali, sono proseguite le attività finalizzate alla riduzione dei consumi di energia elettrica attraverso la sostituzione delle lampade con quelle a tecnologia LED (17.000 al primo trimestre 2021).

Nell’ambito degli interventi di natura IT sono proseguite le attività di Digital Transformation che hanno portato all’adozione delle seguenti piattaforme Cloud di Microsoft:

z Dinamycs per garantire la visione unica del cliente ed ottimizzare la Customer Experience su tutti i canali;

z Azure per una struttura IT più scalabile e sicura che permetta di rendere la società agile e veloce nell’innovazione su business diversi, dalla logistica ai servizi finanziari;

z Microsoft 365 per abilitare un nuovo modo di lavorare più collaborativo e produttivo.

È stato inoltre firmato l’Accordo di Partnership 2021 – 2024 tra Poste Italiane e Microsoft, che consentirà da un lato di aumentare il livello di cloudification interno di Poste, grazie all’adozione del Cloud di Microsoft, dall’altro di esportare verso il mercato esterno e verso la Pubblica Amministrazione le architetture tecnologiche e di processo, nonché l’integrazione fisico-digitale del connubio Poste Italiane/Microsoft.

Nella Strategic Business Unit dei Servizi Finanziari gli investimenti complessivamente realizzati ammontano a 6 milioni di euro e hanno riguardato lo sviluppo dell’offerta a distanza e l’ampliamento della gamma prodotti del Risparmio Postale, Vita e Fondi. In particolare, sono proseguiti gli investimenti che hanno garantito il rilascio delle funzionalità relative alle modalità di offerta a distanza da app BP e si è resa disponibile la possibilità di ricevere bonifici in modalità istantanea sui libretti ordinari e smart.

Per quanto riguarda il Nuovo Modello di Servizio (NMdS), al fine di efficientare l’offerta di servizi a valore aggiunto anche presso gli Uffici Postali periferici e non dotati di consulente fisso, in un contesto di ridotta mobilità, è stato avviato il progetto pilota della consulenza a distanza degli Specialisti Consulenti Mobili (SCM); attraverso un collegamento da remoto svolto dagli SCM in altra sede di Poste italiane, è possibile erogare la consulenza, eseguire gli ordini, consegnare la documentazione contrattuale e raccogliere le firme in sicurezza avvalendosi della presenza del Direttore dell’Ufficio Postale per l’accoglienza del cliente, la sua identificazione e l’assistenza contrattuale.

Nella Strategic Business Unit dei Servizi Assicurativi nel corso del I trimestre 2021 sono proseguite le attività progettuali a sostegno dello sviluppo industriale e del continuo miglioramento funzionale/infrastrutturale dei più importanti sistemi di supporto al business. Gli investimenti in corso supportano lo sviluppo dell’offerta, le iniziative a supporto della ripartenza del Paese dopo l’emergenza sanitaria e il presidio forte e integrato di tutti i canali tenendo conto delle aspettative dei clienti. Proseguono infine gli interventi di adeguamento dei sistemi per ottemperare agli obblighi normativi. Gli investimenti complessivamente realizzati nel trimestre ammontano a 4 milioni di euro.

Gli investimenti cha hanno interessato la Strategic Business Unit dei Servizi di Pagamenti e Mobile ammontano a 13 milioni di euro. In ambito TLC, continuano gli sviluppi a supporto dell’offerta di rete fissa e mobile con l’obiettivo di accrescere la competitività sul mercato. Proseguono gli sviluppi finalizzati al lancio delle nuove carte di debito emesse da PostePay in sostitu-zione delle carte BancoPosta, con l’obiettivo di integrare le attuali funzionalità con quelle che abilitano il correntista BancoPosta all’ecosistema Postepay. Sono conclusi gli sviluppi che hanno portato al lancio, a marzo 2021, della prima carta biodegradabile Postepay Green. Sono state avviate le attività volte alla realizzazione della Piattaforma P.A.C (Pubbliche Amministrazioni Centrali) per la gestione dei pagamenti verso le P.A.C con bollettino P.A e sono proseguiti gli interventi di adeguamento del sistema di accettazione PagoPA per la gestione di incassi multi-beneficiario.

Il Capitale circolante netto al 31 marzo 2021 ammonta a 3.044 milioni di euro e si incrementa di 560 milioni di euro rispetto a fine esercizio 2020 (di cui 12 milioni di euro derivanti dal primo consolidamento di Nexive). A tale variazione hanno concorso principalmente:

z altri crediti e attività con un aumento di 227 milioni di euro, riconducibile per 447 milioni di euro all’incremento dei crediti legati al “Decreto Rilancio”53 (che saranno utilizzati per compensare, negli anni dal 2021 al 2030, debiti di natura tributaria, previ-denziale o fiscale sulla base di quanto previsto dall’Agenzia delle Entrate con riferimento alle caratteristiche stesse dei singoli crediti), parzialmente compensato dal decremento di 240 milioni di euro dei crediti per sostituto d’imposta relativi all’operatività delle SBU Servizi Assicurativi e Servizi Finanziari;

z altre passività con un decremento di 88 milioni di euro relativi principalmente a minori debiti verso il personale e istituti di previdenza per 199 milioni di euro (include gli incentivi all’esodo del periodo e il pagamento della quattordicesima mensilità), parzialmente compensati da maggiori debiti tributari diversi per 71 milioni di euro;

z un incremento dei Crediti commerciali di 360 milioni di euro e un decremento dei Debiti commerciali di 74 milioni di euro;

z debiti netti per imposte correnti con un incremento di 188 milioni di euro riconducibile essenzialmente alla rilevazione delle imposte di competenza del periodo.

53. D.L.n.34/2020 convertito con modifiche nella Legge n.77/2020.

Il saldo dei Fondi diversi e delle Altre attività/passività al 31 marzo 2021 ammonta a 2.701 milioni di euro e si incrementa di 169 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2020 principalmente per effetto dei maggiori debiti netti per imposte differite per 154 milioni di euro, in larga parte ascrivibili alla variazione positiva del fair value degli strumenti finanziari classificati nella categoria FVTOCI rilevata nell’apposita riserva di Patrimonio netto. A tale voce, inoltre, contribuisce il saldo dei Fondi per rischi e oneri che si attesta a 1.474 milioni di euro (1.396 milioni di euro a fine dicembre 2020) ed è comprensivo del Fondo di incentivazione agli esodi per 528 milioni di euro (576 milioni di euro al 31 dicembre 2020). Il saldo comprende altresì il Fondo rischi operativi relativo prevalentemente a passività derivanti dall’operatività condotta in ambito SBU Servizi Finanziari per 149 milioni di euro (139 milioni al 31 dicembre 2020) e il Fondo rischi vertenze con terzi per 272 milioni di euro (267 milioni di euro al 31 dicembre 2020).

Il Patrimonio netto al 31 marzo 2021 ammonta a 12.393 milioni di euro e, rispetto al 31 dicembre 2020, registra un incremento di 886 milioni di euro. La variazione intervenuta nel periodo risente principalmente dell’utile del periodo di 447 milioni di euro e dell’incremento della riserva di fair value di 450 milioni di euro (a seguito delle oscillazioni positive di valore degli investimenti clas-sificati nella categoria FVTOCI, al netto delle vendite effettuate nel periodo, detenuti principalmente dalla SBU Servizi Finanziari).

Posizione Finanziaria Netta del Gruppo (dati in milioni di euro)

La Posizione finanziaria netta complessiva al 31 marzo 2021 è in avanzo di 7.255 milioni di euro, in aumento di 435 milioni di euro rispetto ai valori al 31 dicembre 2020 (in cui presentava un avanzo di 6.820 milioni di euro). A tale variazione hanno con-corso principalmente una gestione operativa positiva per 672 milioni di euro (di cui 447 milioni di euro riferibili all’utile del periodo) e l’incremento registrato sul fair value degli investimenti classificati nella categoria FVTOCI detenuti dalla SBU Servizi Finanziari relativo alla parte non coperta da strumenti di fair value hedge per 629 milioni di euro, parzialmente compensati dall’effetto negativo riconducibile alla variazione del capitale circolante e delle imposte per circa 560 milioni di euro e investimenti per 116 milioni di euro. Infine, concorrono alla variazione gli effetti negativi derivanti dalle acquisizioni di Nexive e Sengi per complessivi 64 milioni di euro (investimento complessivo di 41 milioni di euro, oltre alla posizione finanziaria netta acquisita di 23 milioni di euro) e dall’incremento delle passività finanziarie per leasing (principalmente per sottoscrizione nuovi contratti nel periodo) per 81 milioni di euro rientranti nel regime di applicazione dell’IFRS 16.

Con riferimento agli strumenti finanziari detenuti dalla SBU Servizi Finanziari, l’oscillazione complessiva del fair value nell’esercizio è negativa per circa 2,4 miliardi di euro ed è rilevata nell’apposita riserva di Patrimonio netto per positivi 0,9 miliardi di euro per la parte non coperta da strumenti di fair value hedge, e a Conto economico per negativi 3,3 miliardi di euro per la parte coperta, compensata dalla variazione positiva di fair value degli strumenti derivati di fair value hedging. Al 31 marzo 2021 il saldo comples-sivo dei derivati in fair value hedge è negativo per 4,6 miliardi di euro (8,1 miliardi al 31 dicembre 2020). Inoltre, nell’ambito di tali operazioni di copertura, a seguito della variazione positiva degli strumenti derivati, la Capogruppo evidenzia un decremento dei Depositi a garanzia a favore delle controparti per circa 3,3 miliardi di euro.

Al 31 marzo 2021, la SBU Servizi Finanziari è, inoltre, inclusiva delle seguenti variazioni patrimoniali rispetto al 31 dicembre 2020:

z un incremento della raccolta su conti correnti postali per 1,4 miliardi di euro;

z un decremento dei debiti verso istituzioni finanziarie per 1,6 miliardi di euro, in larga parte ascrivibile al progressivo migliora-mento del fair value dei derivati che ha ridotto il fabbisogno di liquidità sul mercato dei pronti contro termine passivi;

CORRISPONDENZA,

2020 PFN DI GRUPPO

1Q 2021

(214)

z un decremento netto dei titoli a reddito fisso valutati al costo ammortizzato per 0,1 miliardi di euro (inclusa la variazione nega-tiva a Conto economico per 1,7 miliardi di euro relanega-tiva alla parte coperta da strumenti di fair value hedge);

z un decremento netto dei titoli a reddito fisso classificati nella categoria FVTOCI per 0,5 miliardi di euro; l’oscillazione comples-siva del fair value del periodo è negativa per 0,7 miliardi di euro.

Posizione finanziaria netta della Strategic Business Unit Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione (dati in milioni di euro)

La Posizione Finanziaria Netta della Strategic Business Unit Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione al 31 marzo 2021 è in disavanzo di 2.088 milioni di euro, in peggioramento di 214 milioni di euro rispetto ai valori al 31 dicembre 2020 (in cui presentava un disavanzo di 1.874 milioni di euro). Al netto delle passività finanziarie per leasing previste dal principio contabile IFRS 16 per 1.246 milioni di euro, la Posizione Finanziaria Netta presenta un disavanzo di 842 milioni di euro (disavanzo di 663 milioni di euro al 31 dicembre 2020).

In dettaglio la sua evoluzione riflette:

z una gestione operativa positiva per 242 milioni di euro: oltre al risultato del periodo positivo per 38 milioni di euro contribuisco-no principalmente ammortamenti per 194 milioni di euro;

z un incremento del capitale circolante netto per 780 milioni di euro imputabile in larga parte all’incremento degli altri crediti legati al decreto rilancio n. 34/2020 (circa 447 milioni di euro) che saranno utilizzati per compensare, negli anni dal 2021 al 2030, debiti di natura tributaria, previdenziale o fiscale sulla base di quanto previsto dall’Agenzia delle Entrate con riferimento alle caratteristiche stesse dei singoli crediti. La variazione è inoltre ascrivibile al decremento dei debiti verso il personale e istituti previdenziali (circa 206 milioni di euro), che include gli incentivi all’esodo del periodo e il pagamento della quattordicesima mensilità, e al decremento di debiti commerciali (circa 150 milioni di euro);

z nuovi investimenti per 112 milioni di euro;

z un flusso monetario positivo da dividendi di 579 milioni di euro e altri incrementi dell’indebitamento per 143 milioni di euro incluso nella voce “Variazione equity e altro”, dovuti principalmente all’incremento delle passività finanziarie per leasing (in par-ticolare per sottoscrizione nuovi contratti nel periodo) rientranti nel regime di applicazione dell’IFRS 16 per 81 milioni di euro.

La variazione include, inoltre, l’effetto negativo derivante dalle acquisizioni di Nexive e Sengi per complessivi 64 milioni di euro (investimento complessivo di 41 milioni di euro, oltre alla posizione finanziaria netta acquisita di 23 milioni di euro).

I Debiti rappresentati nella Posizione Finanziaria Netta della SBU Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione si riferiscono principalmente a:

z utilizzo di linee di credito uncommited per finanziamenti a breve termine per complessivi 275 milioni di euro;

z finanziamento BEI di 173 milioni di euro in scadenza a marzo 2026;

z finanziamento BEI di 400 milioni di euro in scadenza ad ottobre 2026;

z private placement per circa 50 milioni di euro in scadenza ad ottobre 2023;

z due prestiti obbligazionari senior unsecured emessi il 10 dicembre 2020 per un valore nominale complessivo di 1 miliardo di euro, il primo da 500 milioni di euro in scadenza a dicembre 2024 e il secondo da 500 milioni di euro in scadenza a dicembre 2028.

FLUSSO DI CASSA

OPERATIVO VARIAZIONE CAPITALE

CIRCOLANTE NETTO VARIAZIONE EQUITY

E ALTRO

Si segnala, inoltre, che un finanziamento bancario a medio termine per 250 milioni di euro è stato rimborsato nel mese di gennaio 2021.

Posizione finanziaria netta ESMA della Strategic Business Unit Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione

(dati in milioni di euro) 31 marzo 2021 31 dicembre 2020 VARIAZIONI

A. Liquidità (2.292) (2.254) (38) -1,7%

B. Crediti finanziari correnti (9) (425) 416 97,9%

C. Debiti bancari correnti 276 665 (389) -58,5%

D. Debiti per leasing correnti 236 212 24 11,3%

E. Parte corrente dell’indebitamento non corrente 1 0 1 n.s.

F. Altri debiti finanziari correnti 13 17 (4) -23,5%

G. Posizione finanziaria corrente (C+D+E+F) 526 894 (368) -41,2%

H. Posizione finanziaria netta corrente (A+B+G) (1.775) (1.785) 10 0,6%

I. Debiti bancari non correnti 573 823 (250) -30,4%

L. Obbligazioni emesse 1.046 1.046 0 0,0%

M. Debiti per leasing non correnti 1.010 999 11 1,1%

N. Altri debiti non correnti 56 51 5 9,8%

O. Posizione finanziaria non corrente (I+L+M+N) 2.685 2.919 (234) -8,0%

P. Posizione Finanziaria Netta ESMA (H+O) 910 1.134 (224) -19,8%

Attività finanziarie non correnti (108) (97) (11) -11,3%

Posizione Finanziaria Netta 802 1.037 (235) -22,7%

Crediti e Debiti finanziari intersettoriali 1.286 837 449 53,6%

Posizione Finanziaria Netta inclusi i rapporti con gli altri settori 2.088 1.874 214 11,4%

n.s.: non significativo

Le Disponibilità liquide e le linee di credito esistenti sono ampiamente in grado di coprire le esigenze finanziarie previste. In particolare, al 31 marzo 2021 le disponibilità liquide della SBU Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione ammontano a 2,3 miliardi di euro (di cui 2,2 miliardi di euro riferibili alla Capogruppo), mentre gli affidamenti committed e uncommitted non utilizzati a soste-gno della liquidità ammontano complessivamente a circa 2,5 miliardi di euro.

Nella tabella che segue si fornisce un dettaglio delle linee di credito al 31 marzo 2021 e al 31 dicembre 2020.

Descrizione

dati in milioni di euro 31.03.2021 31.12.2020

Linee di credito committed 1.750 1.750

Finanziamenti a breve 1.750 1.750

Linee di credito uncommitted 1.937 1.893

Finanziamenti a breve 1.015 1.017

Scoperti di c/c 145 148

Crediti di firma* 776 728

Totale 3.687 3.643

Utilizzi uncommitted 656 633

Finanziamenti a breve 275 250

Crediti di firma 381 383

Totale 656 633

* Al 31 marzo i crediti di firma relativi alla Capogruppo sono 636 milioni di euro (620 milioni di euro al 31 dicembre 2020).

Source

“https://123dok.org/article/andamento-patrimoniale-e-finanziario-del-gruppo.y4wm4o99”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐
Clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.