Finanziamenti per estinguere debiti a saldo e stralcio

Siamo operativi in tutta Italia

Cotone, cera d’api, resina di pino: ecco Apepak, l’involucro per alimenti freschi plastic free made in Treviso


Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Ecco il “scartosso” Apepak

Lo “scartosso”, bio e riutilizzabile, ha debuttato nei negozi aderenti al gruppo Fidia-Confcommercio. Il suo utilizzo consente di rispamiare 1 metro quadrato di plastica al giorno per famiglia

TREVISO. Addio pellicola di plastica, senza rinunciare nè alla protezione degli alimenti freschi, nè alla maggior durata che una corretta confezione riesce a garantire.

La rivoluzione plastc free nei negozi sotto casa, parte da Treviso e si chiama Apepak. 

Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

Ideato da Massimo Massarotto e Molly Knickerbocker e prodotto dalla Società Cooperativa Sociale L’incontro Industria 4.0 di Vedelago (TV), Apepak è  realizzato con cotone biologico GOTS, cera d’api bio degli apicoltori CONAPI Mielizia, olio di jojoba bio e resina di pino naturale.

Massimiliano Massarotto e Molli Knickerbocker

I fogli e le bags di Apepak sono lavabili con acqua fredda o del sapone naturale e riutilizzabili fino a 1000 volte, confezionati in una busta di carta totalmente biodegradabile, fanno risparmiare almeno 1 metro quadrato di plastica al giorno a famiglia, avvolgono e proteggono perfettamente i cibi sia cotti che crudi compresi pane, formaggio, merende.

Dilazione pagamenti e agevolazioni fiscali

Siamo operativi in tutta Italia

Oltre a portare una ventata di ecologia in cucina, Apepak contribuisce all’inclusione sociale perché è realizzato dalla Cooperativa Sociale L’Incontro Industria 4.0, che ha come obiettivo l’inserimento nel mondo del lavoro di persone diversamente abili dimostrando di voler coniugare pienamente la sostenibilità con l’inclusione sociale. Lo slogan della confezione parla chiaro e lancia un messaggio esplicito: “Apepak ha senso in tutti i sensi”.

Apepak non è più solo un progetto o un esperimento.

Il suo impiego è decollato sempre nel trevigiano grazie al gruppo Fidia Confcommercio.

«Come gruppo Fida-Confcommercio – spiega Riccardo Zanchetta – ci siamo subito convinti della validità tecnica del prodotto e ci rendiamo conto ogni giorno di più, soprattutto in questo periodo di ripresa post-Covid, che la sostenibilità deve entrare a far parte dei nostri valori quotidiani. Non può restare uno slogan ma deve diventare un gesto fisico. Noi abbiamo scelto di acquistare ApePak come Gruppo, di dare inizio alla distribuzione e di fare in modo che i nostri punti vendita possano veicolare questo messaggio ogni giorno, da dietro il bando del fresco. Meno involucri di plastica e più sostenibilità, per una convenienza che diventa valore aggiunto per tutti. Imprese, consumatori, società. Solo così, unendo qualità, freschezza, passione, possiamo fare la differenza. Mentre la Grande Distribuzione organizzata studia i packaging in plastica per le monoporzioni, noi proponiamo lo “scartosso” biologico riutilizzabile. La quantità di rifiuti prodotti dagli imballaggi in plastica e dal cellophane è un problema che riguarda tutti, non solo la nostra categoria. Noi stiamo cercando di sensibilizzare i consumatori, che peraltro dimostrano grande attenzione al tema».

«Apepak è una realtà costantemente impegnata nella tutela del Pianeta e nella sostenibilità sia ambientale che sociale. Tutti i nostri prodotti sono al 100% naturali e sono realizzati con cotone Gots e cera d’api biologica italiana degli apicoltori CONAPI-MIELIZIA che contribuisce alla salvaguardia di oltre 5 miliardi di api. Apepak e Conapi e Mielizia sono uniti in questo progetto da obiettivi comuni e valori condivisi quali la difesa delle api, dell’ambiente, della biodiversità e la sensibilizzazione dei consumatori», così Attilio Biancardi, coordinatore del progetto  ha sottolineato  l’impegno profuso dall’azienda sul piano della sostenibilità.

«Apepak – continua Biancardi – è stata la prima azienda italiana e tra le prime al mondo ad aver ideato un packaging sostenibile che possa sostituire la plastica e il cellophane in cucina. La nostra produzione è localizzata in Italia e ci avvaliamo del prezioso contributo della Cooperativa Sociale L’Incontro Industria 4.0. Dare lavoro alle persone diversamente abili e aiutare a valorizzare i loro talenti e la loro creatività è per noi un grande motivo di fierezza. Gli obiettivi di zero waste e plastic free in cucina che ci poniamo sono raggiungibili attraverso un’opera di sensibilizzazione ed educazione dei consumatori che affonda le proprie radici nella famiglia e in un necessario cambio di abitudini in tal senso. Quali primi ambasciatori della mission di Apepak ci teniamo a diffondere costantemente l’importanza di uno stile di vita sostenibile e rispettoso per l’ambiente e siamo lieti di poter dar voce alla nostra filosofia davanti a una platea di professionisti del settore alimentare».

e.delgiudice@gnn.it

Blocco procedure esecutive

Siamo operativi in tutta Italia

Source

“https://nordesteconomia.gelocal.it/economia/2021/11/03/news/cotone-cera-d-api-resina-di-pino-ecco-apepak-l-involucro-per-alimenti-freschi-plastic-free-made-in-treviso-1.40881006”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Mutui per non bancabili anche per liquidità

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui