Bonus e agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Dalla giunta ok a ddl per il Catasto delle certificazioni energetiche

Blocco procedure esecutive

Siamo operativi in tutta Italia

Rosa: uno strumento per valutare meglio l’incidenza degli incentivi per l’efficientamento e le politiche messe in campo nel settore in relazione alle varie realtà territoriali

POTENZA – Mettere a sistema le attività di certificazione energetica degli edifici in Basilicata. Con questa finalità la giunta regionale ha adottato un disegno di legge, che ha, tra le principali novità, l’istituzione di un Catasto regionale nel quale fare confluire gli attestati di prestazione energetica (Ape) degli edifici e delle unità immobiliari lucane. Un sistema che permetterà di avere in un’unica piattaforma tutti i dati relativi all’efficienza energetica del patrimonio edilizio della Basilicata. 

“Rispondiamo con questo provvedimento a un obbligo di legge – commenta l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa – che dal 2005 ci impone di dare attuazione ai catasti informatici per la raccolta dei certificati e dal 2015 di implementare il Sistema informatico nazionale. Fatto ugualmente importante è che, nello stesso tempo, la Regione si doterà di uno strumento che ci permetterà di valutare l’incidenza degli incentivi messi in campo per l’efficientamento energetico e di calibrare meglio le politiche energetiche in relazione alle varie realtà territoriali”.

Il disegno di legge, infatti, disciplina l’Attestato di prestazione energetica, una “etichetta dell’edificio” che aiuta a conoscere in modo semplice e intuitivo l’energia effettivamente consumata in un anno e la quantità che si prevede necessaria per soddisfare, con un uso standard dell’immobile, i vari bisogni energetici dell’edificio, quali il riscaldamento, la climatizzazione estiva, la fornitura di acqua calda, l’illuminazione, il funzionamento degli ascensori e delle scale mobili.

Finanziamenti – Agevolazioni per le start-up

Siamo operativi in tutta Italia

Il Sistema informatico regionale Ape conterrà, inoltre, l’elenco dei certificatori. Sarà accessibile a professionisti, notai, Pubbliche amministrazioni e cittadini attraverso il portale istituzionale della Regione Basilicata. Il catasto fornirà, infine, i dati presenti nel registro informatico Ape attualmente utilizzato e le informazioni relative ai controlli e alle ispezioni. A tale riguardo, la normativa estende alle Province e al Comune di Potenza gli accertamenti e i controlli di secondo livello e le ispezioni in situ.

Il catasto sarà realizzato e gestito dall’Enea nel rispetto di una convezione con la Regione Basilicata.

Il disegno di legge è ora all’attenzione del Consiglio regionale per la definitiva approvazione.

Articolo precedenteParco del Pollino: martedì la consegna dei minivan ibridi ai comuni di Lauria, Latronico e ViggianelloArticolo successivoI Gruppi PD, M5S e Prospettive Lucane presentano una Mozione di censura nei confronti del Direttore Generale dell’ARPAB Avv. Antonio Tisci

Redazione di ivl24 | Portale d’informazione lucano con un occhio sul Cilento, Vallo Diano e Alto Cosentino. | mail: ivl24.it@gmail.com | cell: +39 331 1619000

Bonus e agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

ARTICOLI CORRELATIALTRO DALL’AUTORE



Source

“https://ivl24.it/dalla-giunta-ok-a-ddl-per-il-catasto-delle-certificazioni-energetiche/”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui